La Direttiva 2023/1791/UE: efficienza energetica al primo posto e nuovi obblighi per le aziende

Tanto attesa, la nuova Direttiva Efficienza Energetica 2023/1791 è stata pubblicata a settembre 2023, sulla Gazzetta Ufficiale europea. La Direttiva è entrata formalmente in vigore il 1° ottobre 2023 e dovr‡ essere recepita in Italia entro ottobre 2025.

Questa Direttiva, nota anche come EED III (Energy Efficiency Directive III) nasce nell’ambito del pacchetto FIT FOR 55 e segna un passo avanti nel panorama comunitario per promuovere líefficienza energetica in tutti i settori. 
Diversi sono i punti di attenzione.

Obbligo di riduzione dei consumi finali di energia

LA EED III definisce líobbligo di riduzione del consumo energetico finale dellíUnione Europea dellí11,7% entro il 2030 (rispetto al livello del 2020) che diventa un obiettivo comunitario giuridicamente vincolante.

Per raggiungere questi obiettivi l’Italia è tenuta ad adottare specifiche misure. 

Pubblica Amministrazione

Ruolo centrale ha la PA che deve garantire una riduzione annuale dellí1,9% del consumo energetico finale complessivo rispetto al 2021 con obbligo di ristrutturazione del 3% all’anno di tutti gli immobili.

Trasporti

Forte enfasi sui trasporti tramite il supporto alla mobilità sostenibile e all’elettrificazione del settore. 

E per l’industria?

Sempre più centrale, il principio dell’Energy Efficiency First diventa un requisito obbligatorio per tutte le politiche industriali in ambito energia, ambiente e sostenibilità.

Previsti nuovi obblighi per le imprese di implementare Sistemi ISO 50001 e audit energetici.

  • Le imprese con un consumo annuo di energia > 85 TJ, (circa 23,6 GWh/anno – 2. mln Sm3/anno) dovranno implementare un sistema di gestione dell’energia (ISO 50001)
  • Le imprese con un consumo annuo  di energia > 10 TJ (circa 2,8 GWh/anno o a 200.00 Sm3/anno), che non attuano un sistema di gestione dell’energia dovranno implementare un audit energetico ed elaborare un piano d’azione concreto e fattibile sulla base delle raccomandazioni risultanti dalla diagnosi.

Si ricorda che i sistemi ISO 50001 e le diagnosi energetiche rappresentano uno dei pilastri portanti di qualsiasi strategia efficace per la sostenibilità e i criteri ESG.

Ing. Francesca Marini
Energy Efficiency & ESG Consultant 
EGE 11339 | CMVP® | Audit or ISO 50001 
francesca@studioingmarini.itwww.studioingmarini.it

Total
0
Shares
Previous Post

“Made in Brescia”: sul territorio 144 imprese manifatturiere a partecipazione estera

Next Post

Nuovo numero Meccanica & Fonderia Novembre 2023

Related Posts
Processing...
Thank you! Your subscription has been confirmed. You'll hear from us soon.
ErrorHere